turned on computer monitor displaying text

Verso il Metaverso, un podcast di Algoritmo Umano

Read Time:2 Minute, 8 Second

Che cos’è il Metaverso? Una bufala? Una genialità? Il nuovo mondo?

Questo è Algoritmo Umano e questo è il testo di un nuovo podcast di Francesco Facchini (che poi sono io). Cosa faccio? Faccio l’apprendista papà, il giornalista, l’esploratore digitale, il progettista e produttore di contenuti su qualsiasi piattaforma mi capiti davanti.

Faccio anche il podcaster, più per altri che per me. Questa volta, però, ho deciso di fare un viaggio verso il Metaverso e di spiegartelo col solito spirito, con il solito modo. Quale? Quello di far facili le cose difficili, quello di capire la tecnologia e i suoi linguaggi. Quello che mi permette di capire se gli algoritmi che danzano attorno all’uomo possono fargli bene.

Verso il Metaverso

Questo il nome del podcast. Un racconto che, un paio di volte al mese, ti racconterà le esperienze, gli incontri, le contraddizioni, le notizie, le suggestioni, le bufale attorno al Metaverso. A proposito, ma che cavolo è il Metaverso? Ne parlano in molti, ne sproloquiano in parecchi, pochi lo conoscono, nessuno lo ha ancora visto. Io vado verso il metaverso per capire e, cammin facendo, ti racconto.

Oltre l’effetto figata c’è qualcosa d’altro, ma in troppi ne stanno parlando senza sapere. Io, te lo dico subito, sono fra quelli che del Metaverso ritiene di sapere ben poco, ma ho trovato un punto di partenza.

La definizione di Metaverso

Partire da una definizione che sia soddisfacente è cosa buona. Ne ho trovata una sul libro “Metaverso” di Matthew Ball, edito da Garzanti:

Una rete di massima scalabilità e interoperabile di mondi virtuali 3D renderizzati in tempo reale, che possono essere vissuti in modo sincrono persistente da un numero effettivamente illimitato di utenti con un senso individuale di presenza al loro interno, e che garantiscono la continuità dei dati relativi a identità, storia, diritti, oggetti, comunicazioni e pagamenti

Matthew Ball, Metaverso (Garzanti, p 55)

Una rete di mondi 3D nei quali stare e avere la presenza virtuale con tutto il suo carico di informazioni e io aggiungerei anche di emozioni. Mondi che devono comunicare tra di loro in modo che tu ti possa portare la tua storia (i tuoi dati) appresso. Mondi che devono essere sociali per poter interagire replicando comportamenti e sensazioni del mondo reale.

Ecco la mia spiega. Se son stato chiaro avrai capito che il Metaverso non è uno, ma mille. E che, per ora, nella nostra vita, non esiste. Ma esisterà, eccome. E presto, più presto di quanto pensi.

Verso il Metaverso, per ora si ferma qui. Ci leggiamo, sentiamo, vediamo, fra 15 giorni.

About Post Author

Francesco Facchini

Sono il papà di Davide, un giornalista, un mobile content creator, un progettista di nuove comunicazioni e nuovi media, un digitalizzatore delle vite altrui
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Metaverso Previous post Tra il Metaverso e il furto di Internet
overhead shot of a cellphone between a mug and headphones Next post Verso il Metaverso, capiamoci qualcosa